febbraio 10, 2009

Aria devota e azioni pie

Ascolta con webReader

Il cuore non ha retto. La progressiva riduzione di alimentazione e idratazione ha condannato il corpo e lo spirito di Eluana Englaro ad un sonno profondo, eterno. Un sonno che avrebbe dovuto, almeno teoricamente, scuotere le nostre coscienze civili e spingere le menti più razionali del paese, di questa nostra società comune, a porre interrogativi sul senso profondo dell’esistenza. Non vogliamo un’assise, per carità, rifulgiamo gli arzigogoli e le parole vane. Come scrisse William Shakespeare, è ben provato che con un’aria devota e un’azione pia inzuccheriamo lo stesso diavolo. Ma quello di Eluana è un sonno che dovrebbe indurci a riflettere sul metro di giudizio con cui approssimativamente, nel 2009, calcoliamo il valore della vita di un soggetto. Invece niente, si chiede il silenzio come premonizione dell’oblio, nell’attesa che la ruggine del tempo crei il precedente giuridico cui appellarsi, si chiede cioè di spegnere la ragione, perché il sonno genera mostri che non permettono di concentrarsi sulla straordinaria vittoria conseguita in ossequio al feticcio del rispetto del principio di autodeterminazione.

Molti hanno pianto per questa donna diventata inconsciamente un “caso”, alcuni hanno tirato un sospiro di sollievo, troppi hanno voluto impartire lezioni: Eluana se n’è andata prima dell’approvazione di quel decreto che l’avrebbe “costretta” a vivere, che l’avrebbe “condannata” ad esistere. Strano metro di giudizio, quello per cui si plaude a una sentenza di morte direttamente emanata da uno scranno della Corte di Cassazione per pia misericordia pubblica (sic!), salvo poi rivendicare come merito nazionale l’approvazione di una moratoria internazionale per le sentenze capitali. Eppure in Italia, in Occidente, avviene anche questo. Si invertono i ruoli: si processa un governo che ha agito per una volta senza guardare il tornaconto elettorale, nel tentativo folle – ma di quella lucida e stupenda follia che ciascun uomo dovrebbe rivendicare – di porre in atto la massima kantiana di utilizzare l’uomo come fine e mai come mezzo. Fine, cioè senso ultimo, corpo sacro su cui non è possibile speculare o fare esperimenti. Paradossalmente innanzi al dolore che ha indubbiamente colpito il padre, ma anche, in misura differente, le suore misericordine della clinica Beato Talomoni di Lecco che per diciassette anni si sono prese cura della Englaro, ebbene di fronte a questa situazione angusta è possibile criminalizzare l’Esecutivo e qualche esponente della maggioranza che ha parlato di assassinio e non di dolce morte.

Continue reading

febbraio 10, 2009

Domani racconteremo i fatti, ma adesso…

Ascolta con webReader


«Eluana è stata uccisa. E noi osiamo chiedere perdono a Dio per chi ha voluto e favorito questa tragedia. Per ogni singola persona che ha contribuito a fermare il respiro e il cuore di una giovane donna che per mesi era stata ostinatamente raccontata, anzi “sentenziata”, come «già morta» e che morta non era. Chiediamo perdono per ognuno di loro, ma anche per noi stessi. Per non aver saputo parlare e scrivere più forte. Per essere riusciti a scalfire solo quando era troppo tardi il muro omertoso della falsa pietà. Per aver trovato solo quando nessuno ha voluto più ascoltarle le voci per Eluana (le altre voci di Eluana) che erano state nascoste. Sì, chiediamo perdono per ogni singola persona che ha voluto e favorito questa tragedia. E per noi che non abbiamo saputo gridare ancora di più sui tetti della nostra Italia la scandalosa verità sul misfatto che si stava compiendo: senza umanità, senza legge e senza giustizia». Marco Tarquinio.

febbraio 6, 2009

L’indescrivibile dolore

Ascolta con webReader

«Siamo angosciati dalle ultime, tragiche notizie su Eluana, di cui abbiamo seguito la vicenda sempre e da vicino. In questo momento ci sentiamo più che mai di dire che chiunque sostenga che la sua morte sarà «serena», che non soffrirà, sta mentendo. Ciò che è successo alla nostra amata Terri durante la lenta e inimmaginabile agonia che l’ha portata a morire di fame e di sete è qualcosa che nessuno, mai, in nessun posto, dovrebbe sopportare. E nessuna famiglia dovrebbe mai assistere a un simile scempio. La morte della nostra Terri, la sua terribile sofferenza, si sono come “attaccate” ai nostri occhi, ai nostri cuori, e non ci abbandoneranno mai. Ed è proprio per la disumana natura di una morte così, per disidratazione, che quando a Terri sono stati tolti cibo e acqua è stato fatto a porte chiuse, nel segreto, senza che nessuno potesse vedere cosa le stava accadendo, in che modo orribile la si “lasciava morire”. Lo stesso avviene ora con Eluana: nessuno la vede, nessuno può vederla, vogliono che anche la sua sofferenza rimanga nascosta, lontano dagli occhi di chi potrebbe conoscerla. Se all’opinione pubblica americana fosse stato permesso di assistere alla tragica fine di Terri, le proteste e l’orrore della gente avrebbero invaso la Florida e il mondo intero. Ma ciò non è accaduto. In questo momento possiamo solo pregare affinché il padre e la madre di Eluana si rendano conto dell’indescrivibile dolore che attende la loro figlia – e che attende anche loro –, prima che sia troppo tardi».

Bobby Schindler, fratello di Terri Schindler Schiavo (qui la lettera pubblicata sull’Avvenire).

febbraio 5, 2009

Berlusconi dimostri di non essere un Ponzio Pilato…

Ascolta con webReader

Varando questo decreto: «In attesa dell’approvazione di una completa e organica disciplina legislativa in materia di fine vita l’alimentazione e l’idratazione, in quanto forme di sostegno vitale e fisiologicamente finalizzate ad alleviare le sofferenze, non possono in alcun caso essere rifiutate dai soggetti interessati o sospese da chi assiste soggetti non in grado di provvedere a se stessi».