luglio 15, 2010

Per Ashtiani

Ascolta con webReader

A Teheran una donna, madre di due figli, rischia di essere lapidata per adulterio. Le prove sono “indiscutibili”: una confessione estorta sotto tortura. Questa petizione ha raggiunto quota 95mila firme. Cosa aspettate?

«Sono a conoscenza del trattamento ingiusto riservato a Sakineh Mohammadi Ashtiani e ne chiedo l’immediato rilascio. Chiedo, inoltre, l’abolizione della pratica della lapidazione in Iran, pratica che viola tutte le definizioni dei diritti umani. Nella misura in cui l’Iran è firmatario della Dichiarazione internazionale dei diritti dell’Uomo e delle relative convenzioni, invoco l’impegno del supremo leader, l’ayatollah Ali Khamenei, ad assumersi la responsabilità di intervenire per liberare questa donna ingiustamente punita. Chiedo, infine, l’immediata sospensione di ogni lapidazione. Non importa quali siano le differenze di credo religioso o politico, l’Iran deve partecipare, insieme a tutte le altre nazioni, al tentativo di creare un mondo dove prevalgono i fondamentali diritti umani. La lapidazione è una barbarie… E deve essere interrotta».

Share and Enjoy:
  • Facebook
  • Digg
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Segnalo
  • Diggita
  • Wikio IT
  • FriendFeed
  • Twitter
  • Live
  • Buzz
  • oknotizie

Comments are closed.